L’edizione del 2017 ha rappresentato un ulteriore passo in avanti verso la definitiva consacrazione di Ginnika. L’evento, che si è svolto presso la suggestiva location dell’Ex Dogana, ha visto la partecipazione di prestigiosi ospiti internazionali come Stash e James Lavelle. Josh Franklyn, meglio conosciuto come Stash, leggenda newyorkese dei graffiti ha realizzato per Ginnika alcune grafiche inedite che sono state utilizzate poi per lo sviluppo di una capsule collection in edizione limitata. Inoltre, durante la due giorni di Ginnika 2017, Stash si è esibito in una live performance disegnando su di una parete una propria rivisitazione del logo Ginnika. James Lavelle, invece, mente creativa dietro il progetto U.N.K.L.E., ha movimentato il pre-opening party di Ginnika con un DJset dai ritmi elettronici. Lavelle inoltre, insieme a Stash e Simon Bowden in rappresentanza di Crep Protect, è stato uno dei relatori di una interessantissima conferenza sulla nascita e l’evoluzione della street culture. Grande successo è stato raccolto dal nuovo expo di Ginnika, completamente rivisitata e riformulata sia nei contenuti che nell’approccio espositivo. Per la prima volta infatti, l’esposizione è stata sviluppata seguendo un percorso cronologico intento a coprire la storia delle sneaker dalla loro nascita nel 1917 fino al 1985.